appuntamento a Novara

Andare in basso

appuntamento a Novara

Messaggio  Enrica Bronzo il Mer Dic 08, 2010 9:23 pm

Ciao,
pensando che sia importante incontrarci per confrontarci sulla situazione attuale della scuola ed eventualmente decidere azioni comuni,
inoltriamo invito stilato in questi ultimi giorni e inviato ai comitati precari che più realisticamente (per motivi di vicinanza) potevano risponderci.
>
>elenco delle adesioni ottenute a tutt'oggi dopo primo inoltro:
>
>Comitato precari 3 Ottobre, Precari di Mantova, Precari di Biella, con ogni
>probabilità anche da Torino (COBAS e CUB).

Comitato Precari Novara

visto che non riesco a mandare l'allegato lo metto qui sotto:

QUESTO E’ L’ULTIMO INVERNO
Dopo il successo del presidio del 6 novembre 'No alla guerra, Sì alla cultura' (http://www.orizzontescuola.it/node/12228 http://www.orizzontescuola.it/node/12380) che ha denunciato gli sprechi militari e la pedagogia della guerra in cui viviamo, il Comitato docenti e ata precari autoconvocati di Novara rivolge un invito ai Comitati di precari che vogliono rinnovare le modalità di lotta e opposizione.
C’è una questione che deve essere messa bene in luce, il fattore tempo. Chi è precario ha un tempo e, esattamente come lo yogurt, scade. E quando scade, appartiene al mondo degli scomparsi e basta. Il Comitato autoconvocato di Novara vuole dire questo: abbiamo davanti soltanto un inverno. A primavera la riapertura delle graduatorie unita alla nuova tranche di tagli previsti per settembre, trasformerà radicalmente la realtà dei precari. In particolare, il venir meno delle code con l’immissione a pettine, porterà ad un radicale cambiamento di chi lavorerà e dove lavorerà. Nel torpore che abita tanta parte del mondo della scuola questi elementi non sono stati del tutto recepiti e da tempo notiamo come la logica di una meritocrazia clientelare e di un collaborazionismo equivoco, sembrano l’unica realtà che ci aspetta dietro l’angolo. Realtà rispetto alla quale il blocco delle gite rappresenta solo una giusta battaglia vinta.
Quali risposte riceviamo dai partiti? Quali risposte dai sindacati? Nel totale immobilismo, è ancora al fattore tempo che dobbiamo pensare: a primavera ci saranno verosimilmente le elezioni. Chi si sta occupando dei precari e, insieme, della qualità persa dalla didattica scolastica quotidiana?

Per discutere di tutto questo e stabilire idee e strategie da condividere:

I comitati dei precari sono invitati ad un incontro nella giornata di domenica 12 dicembre 2010 a partire dalle 9:30 presso il Circolo ARCI 25 Aprile vic. S. Giacomo 4, Novara: http://arci25aprile.wordpress.com/dove-siamo/

L’incontro vuole inoltre essere il luogo ove rilanciare la manifestazione del 6 novembre in collaborazione con l’associazionismo. Come ci suggeriva lo stesso autore del saggio Caro Armato, Francesco Vignarca, invitato dal Laboratorio per la pace in una conferenza novarese, riunire in piazza le ragioni del precariato con quelle dei fondi destinati alle spese militari, - ma pensiamo ai precari messinesi mobilitati contro il ponte - è una via che riesce a raccogliere consensi. Quindici erano le associazioni che nella giornata del 6 novembre hanno accolto la nostra proposta e con le quali stiamo tutt’ora collaborando. Se il problema fatica ad essere risolto dall’interno della scuola, sia allora la società civile più viva e attenta ad occuparsi e occupare la scuola.

Per contattarci: precari_no@libero.it

Comitato docenti e ata precari e sottoprecari autoconvocati– Novara


Enrica Bronzo

Messaggi : 3
Data d'iscrizione : 17.10.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum