se non ora, quando?

Andare in basso

se non ora, quando?

Messaggio  Luigi il Ven Ott 08, 2010 9:47 am

Caro Luca,
rispondo al tuo intervento contro la mia proposta di OdG alla prossima assemblea. Mi sposto qui, nello spazio dedicato alle opinioni, perchè spero che nasca un dibattito, molto necessario a questo proposito.

- Siamo tutti preoccupati per ciò che accadrà l'anno prossimo: tu stesso in qualche modo definisci la situazione "perniciosissima".
- Abbiamo già preso "una porta in faccia" (cfr. graduatoria di A051 quest'anno), vogliamo prenderne un'altra l'anno prossimo? Salvo poi "chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati" con tardive proteste?
- Si apre un tavolo di crisi. Portiamoci anche la questione apertura graduatoria e pettine! Usiamola almeno per testimoniare la gravità della situazione! Crisi eccezionale necessita di misure eccezionali.
- Discutere di questo ci divide? No! Subire passivamente un'ingiustizia, perché è un'ingiustizia il voler allungare a nostro danno una graduatoria che era stata promessa "ad esaurimento", questo non unisce proprio nessuno.

Rilancio pertanto la proposta di mettere all'ordine del giorno dell'assemblea di lunedì 11/10 la questione apertura graduatoria e pettine e con la massima priorità.

Luigi Coda

Luigi

Messaggi : 2
Data d'iscrizione : 06.10.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: se non ora, quando?

Messaggio  lbonomo il Ven Ott 08, 2010 10:23 am

in effetti ripensandoci sono d'accordo sul portare al tavolo di crisi con la regione il punto, ma non ci siamo ancora, visto che dell'incontro non è stato definita la data... sono contro le operazioni da www.voglioilruolo.it [esiste veramente], ma ribadisco che non possiamo pretendere di blindare le graduatorie: se ti sei sposato con una torinese e sei un prof. di Varese, vogliamo dire che non puoi trasferirti in provincia? Se uno ha 1000 punti e continua a non entrare in ruolo a Caltanissetta, ma perché non può emigrare? emigrare vuol dire prendere i propri punti e metterli qui, prendendosi una casa qui e scommettendo la propria vita...
sono figlio di un emigrato e ora non voglio fare la figura di chi scriveva 'non si affitta ai meridionali'.

ciao. luca

lbonomo

Messaggi : 98
Data d'iscrizione : 28.09.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: se non ora, quando?

Messaggio  federica daidone il Ven Ott 08, 2010 2:27 pm

scusa luca, ma forse ti sfugge una cosa...

ciò che tu dici è corretto, ma è quello che accade già a chi sceglie, proprio per scelta di vita coraggiosa, di cambiar città...e la sceglie come prima provincia!! se ho capito bene, saranno le code ad esser inserite a pettine e nn solo chi sceglie la prima provincia...correggetemi se sbaglio perchè magari dico cazzate...

Federica

federica daidone

Messaggi : 83
Data d'iscrizione : 22.09.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: se non ora, quando?

Messaggio  Laura Buscemi il Ven Ott 08, 2010 4:26 pm

Ciao a Luca,
sperando di essere presente lunedì 11 a Palazzo Nuovo condivido con Luigi e Federica la necessità di parlare dell'argomento "pettine". In primo luogo, perchè si era sollevata la questione già in sede di nomine quando tra noi emergeva l'ombra lunga dell'aggiornamento delle graduatorie; in secondo luogo, parliamone almeno per chiarirci le idee e capire di cosa ci attende. Personalmente, infatti, non credo di sapere tutto ciò che c'è da sapere a riguardo, perchè anch'io penso che la questione non sia tanto di chi sceglie Torino come prima provincia, ma delle code, come bene ha detto Federica, ma come lei vorrei essere sicura almeno di avere capito, allora ritengo che valga la pena parlarne. Dunque, mi sento di sostenere la proposta di Luigi di inserire un punto all'ordine del giorno.
Arrivederci, spero, a lunedì, sicuramente al 15.
Laura

Laura Buscemi

Messaggi : 2
Data d'iscrizione : 02.10.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

CHI SI INCARICA DI CHIARIRE A TUTTI LA QUESTIONE 'PETTINE'? SERVE UN ESPERTO CHE STUDI LA QUESTIONE PER TUTTI

Messaggio  lbonomo il Ven Ott 08, 2010 4:58 pm

CHI SI INCARICA DI CHIARIRE A TUTTI LA QUESTIONE 'PETTINE'? SERVE UN ESPERTO CHE STUDI LA QUESTIONE PER TUTTI e la esponga

PUNTO A: io non è che dico che sia un tema tabù, ma la questione è che parlarne con lo sciopero di venerdì alle spalle per me è più economico: chiusa lì... ci saranno da decidere 1000 cose pratiche e non ho voglia di fare le 10 e mezza, e nei giorni successivi un'altra riunione e un gruppo e una spesata e un brain storming.
PUNTO B: [b]c'è qualcuno che si possa informare attendibilmente per tutti? [/b]
se non siamo perfettamente informati, magari succede che stiamo due ore a parlare di congetture... e si finisce per litigare (garantito al limone).
In assoluto c'è motivo di credere che oltre a essere importante sia un argomento urgente da trattare? che possiamo farci ora che siamo a ottobre? è giusto parlarne al limite in vista dell'incontro con la Regione, ma questo è ancora da concordare.

lbonomo

Messaggi : 98
Data d'iscrizione : 28.09.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

A proposito di graduatorie ad esaurimento nervoso

Messaggio  Igor Campagnola il Ven Ott 08, 2010 5:32 pm

Ciao! Sono molto d'accordo sul fatto che la riapertura delle graduatorie sarà il vaso di Pandora (cioè andremo a lavorare sul pianeta degli Avatar). Bisogna parlarne francamente ed evitare le strumentalizzazioni leghiste della cosa: di fatto il nord ha cessato di essere lo sbocco della disoccupazione del sud, e ciò vale anche per le aziende (guardate se non lo avete già fatto l'ultimo servizio di Presa diretta di Iacona su Rai 3, rai extra ecc...!). La crisi travolge tutti i settori e tutte le regioni: ho apprezzato moltissimo la maglietta del bidello precario in sciopero della fame con su scritto "SE NON CI INCAZZIAMO ORA, QUANDO?". Io sono ovviamente molto preoccupato di vedermi scavalcare da altre 100 o più persone in graduatoria, ma tutte queste new entry devono sapere che qui i posti sono sempre meno e che non si parla di immissioni in ruolo (perché si bloccano i pensionamenti, e quei pochi che ci saranno verranno "assorbiti" dai tagli). 12 mila senza lavoro solo nella scuola siciliana sono un problema nazionale, ma questi si sommano agli 800 del Piemonte (in crescita il prossimo anno) eccetera. Bisogna lottare per posti di lavoro al sud come al nord, nelle aziende come nel settore pubblico: il tutto con contratti NAZIONALI chiari e senza ricatti. Perché non chiediamo che la regione Piemonte si coordini con le altre regioni (peraltro di giunta di destra) al fine di evitare tensioni fortissime alle prossime convocazioni, che temo finiranno con l'intervento delle forze dell'ordine ormai in tutta la nostra civilissima penisola? E il prefetto, ci ha mai risposto in merito all'emergenza segnalata? Quest'anno ho proposto di occupare il D'Azeglio, il prossimo anno secondo me dobbiamo mandare a monte le convocazioni se, come temo, ci saranno 2 o 3 immissioni in ruolo e 10 o 20 posti in tutto per migliaia di precari da tutte le parti d'Italia. Con una situazione del genere dobbiamo necessariamente premere in tutti i modi per i pensionamenti e le assunzioni, se no tra dieci anni saremo ancora qui a litigare come i capponi di Renzo! affraid
P.S. I volantini del 15 vanno benissimo e sono molto chiari, il problema è lo sciopero in sé, che ormai è un'arma spuntata (e redditizia per il Governo). Sono con tutti voi comunque Smile ; a Ivrea sto cercando di far bloccare oltre i viaggi d'istruzione anche tutta l'offerta formativa aggiuntiva e credo sarebbe opportuno un elenco delle scuole che si stanno muovendo.

Igor Campagnola

Messaggi : 32
Data d'iscrizione : 22.09.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: se non ora, quando?

Messaggio  peppe&bea il Sab Ott 09, 2010 11:00 am

Anche secondo me è importante parlare degli inserimenti a pettine: è una parte di manovra molto utile a rendere il sistema quanto più possibile complesso.
Deve essere contestata perché è parte di una pseudo-riforma che è stata concepita solo per tagliare fondi, ma soprattutto crea un enorme confusione utile per rendere tutto difficile da comprendere.
Dobbiamo contestare leggi poco chiare e che soprattutto danno luogo a commenti discordanti tra di noi. Il fine governativo è portarci a discutere così da poter affermare candidamente: i docenti stanno sempre a lottare tra di loro e poi si lamentano con noi.

peppe&bea

Messaggi : 22
Data d'iscrizione : 28.09.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: se non ora, quando?

Messaggio  lbonomo il Sab Ott 09, 2010 11:16 am

Come già sottolineato, abbiamo solo 1 h e 30 per organizzare il corteo di venerdì [18.00 ora teorica di inizio riunione - 19.30 chiusura di Palazzo Nuovo]: propongo di parlare della questione del pettine la settimana successiva 18 ottobre, a patto però che qualcuno di noi si prepari e sappia esporre analiticamente e con completezza lo stato dell'arte: non intendo perdere delle ore di discussione per mettere insieme i pezzi, magari poi in un puzzle che non funziona.
Credo che da questa lunga discusssione fra Luigi, Igor, Riccardo ecc. me, sia nata un'esigenza: serve che qualcuno del nostro movimentino diventi un esperto dei vari aspetti delle nostre questioni e che tenga aggiornati gli altri. Senza di questo rimarremo dei dilettanti.

grazie

luca

lbonomo

Messaggi : 98
Data d'iscrizione : 28.09.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: se non ora, quando?

Messaggio  Daniele Lo Vetere il Sab Ott 09, 2010 6:38 pm

Carissimi, l'anno scorso ho creato un roboante "comitato" (in realtà una semplice mailing list) contro gli inserimenti a pettine paventati dall'Anief. Forse qualcosina sull'argomento so, ma dovrei trovare informazioni più precise. Per ora non mi candido a fare da "esperto" sulla questione come propone Luca, perché ho già iniziato a occuparmi della legge regionale. Posso fare solo una cosa alla volta, perciò o qualcuno si prende sul groppone quest'ultima e allora mi dedico volentieri al problema del pettine, se no continuo con la legge regionale.
Quello che per ora posso dire con certezza è come si sono svolti i fatti fino all'autunno scorso. Insomma posso farvi una breve cronistoria:

- ricorderete che due anni fa tutti ci siamo iscritti in tre province "in coda". Sinceramente non seguivo ancora la faccenda, allora, e non so da chi e dove sia nata la brillante idea, madre di molti successivi pasticci. Forse è stata solo semplice ingenuità, perché era un modo molto italico (cioè democristiano e compromissiorio) di allargare un po' la morsa di graduatorie di fatto blindate, in quanto a esaurimento (da cui era impossibile scappare e in cui era impossibile entrare).
- su questa norma ha fatto pressione l'associazione a delinquere denominata Anief (ma loro dicono di essere un sindacato. Sono in realtà un pool di rampanti avvocati che a suon di quattrini "estorti" ai docenti fanno ricorsi d'ogni genere: giusti, ingiusti, costituzionali, anticostituzionali, ... ammantandosi però della difesa dei "diritti costituzionali" (minkia...). Questa è la mia personale, e durissima certo, opinione). L'Anief sosteneva e tuttora sostiene, perché la faccenda temo non sia finita, che l'inserimeno in coda fosse anticostituzionale. Hanno presentato un ricorso perché gli iscritti in coda fossero inseriti "a pettine". Se il ricroso fosse passato l'inserimento a pettine dei soli ricorrenti sarebbe diventato effettivo. Quanti erano i ricorrenti? Su intenret ho letto cifre le più diverse, dalle catastrofiche alle numericamente irrisorie (in questo caso la lotta mia e di altri sarebbe stato "molto rumore per nulla"... ma nell'ignoranza...)
- il ricorso al Tar va in porto, il ministro fa controricorso al Consiglio di stato e perde. Infine, per disinnescare la bomba, fa inserire un articolo nella legge omnibus (per chi non lo sapesse, si definiscono così le leggi a cui s'attaccano tutti per inserire articoli e commi vari e che finiscono per diventare dei pot pourri di norme) cosiddetta "salvaprecari" (lassù ci vogliono tutti bene, ché sempre si prodigano per "salvarci"), nella quale sono stati negati gli inserimenti a pettine per l'anno 2009/10 e 2010/11, con l'impegno però, all'apertura delle graduatorie nel 2011, di dare la possibilità di iscriversi in due province, a pettine. Addio graduatorie a esaurimento. Per ora siamo qui, ma chissà di qui al prossimo anno!
- Federica teme che gli inserimenti a pettine siano di tutte le code. Non è proprio così. Lasciando da parte il ricorso Anief, che temo che sia ancora in piedi, il prossimo anno non è che tutti gli attuali iscritti in coda saranno inseriti a pettine. Al momento le code sono chilometriche perché tutti noi siamo di fatto iscritti in 4 province (in una a pettine, nelle altre tre in coda) e non costa niente, quando si compila la domanda di aggiornamento, mettere a caso tre province in più, nelle quali in realtà si sa che non si lavorerà.
Il prossimo anno le graduatorie saranno riaperte. Questo significa che le code non esisteranno più e ci sarà un rimescolamento totale delle carte. Di sicuro coloro che si trasferiranno saranno molti meno di quelli che si erano iscritti in coda perché, come dicevo, iscriversi in coda è più una formalità che altro, mentre iscriversi a pettine (cioè di fatto trasferirsi) impegna molto di più e non tutti lo faranno. Se però quello che Federica vuol dire è che ci passeranno davanti alcuni di quelli che quest'anno erano in coda, la risposta è SI': tutti quelli che decideranno di trasferirsi qui. Quanti saranno? BOh!
- se da tutto quanto ho scritto deducete che se non ci fosse l'Anief non si sarebbe creato tutto sto pasticcio, rispondo che per quanto ce l'abbia con quell'associazione, mi sembra significhi farle troppo onore volerle attribuire questo demerito. In realtà le graudatorie a esaurimento stanno esplodendo perché chi ci governa non possiede una coscienza: ha senso avere delle graduatorie ad esaurimento se esse sono effettivamente tali, cioè se c'è la volontà di esaurirle e per farlo bisogna INVESTIRE. Se no con la minkia (direbbe Luca, ma anche io sono un disfemico) che le esaurisci! Perciò hanno fatto la pensata di gridare di nuovo il "libera tutti", credo per godere dello spettacolo dei precari che si massacrano fra loro come i gladiatori a Roma...

Spero di essere stato utile

Daniele

Daniele Lo Vetere

Messaggi : 54
Data d'iscrizione : 21.09.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

odg contro pettine

Messaggio  Erica Scatti il Dom Ott 10, 2010 5:20 pm

Carissimi,
purtroppo con gli orari di lavoro che sto facendo (18-22), non riesco più a partecipare alle riunioni in cui si discutono problemi che pur mi stanno molto a cuore. Ho letto l'intervento di Luigi che vorrebbe inserire nell'Odg di domani l'argomento "inserimenti a pettine": sono pienamente d'accordo con quanto scrive e penso che siamo già stati (almeno parlo per me) troppo ingenui e fiduciosi, pur nascondendo tale fiducia dietro molte lamentele. Io non penso che possiamo cedere ulteriori posizioni: per quante poche persone si possano inserire in una graduatoria che ci era stata promessa come ad esaurimento (e infatti a molti di noi è venuto), saranno sempre troppe. E' come dire che ci toglieranno solo le mutande, quando sono l'unico indumento che ci è rimasto. Aspetto di leggere resoconti e commenti di quanto vi direte domani. Un caro saluto a tutti.
Erica

Erica Scatti

Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 10.10.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: se non ora, quando?

Messaggio  claudia pandolfo il Lun Ott 11, 2010 5:59 pm

ciao a tutti,
purtroppo la mia grave incapacità a gestire mezzi informatici mi ha fatto scoprire l'appuntamento di oggi troppo tardi per disdire l'impegno che avevo già preso: in poche parole non potrò esserci. in ogni caso sono d'accordo con l'iniziare presto a riflettere sulla "questione pettine", anche perchè mi pare che ci siano opinioni discordanti e disparate e potrebbe volerci un po' per trovare una piattaforma comune. concordo anche con chi ci invita a non sottovalutare il metodo fin qui usato da gelmini &co (già tutto deciso, o ti adegui o cambi mestiere). per il 15 ci sarò, qualsiasi cosa decidiate oggi.

claudia pandolfo

Messaggi : 2
Data d'iscrizione : 03.10.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: se non ora, quando?

Messaggio  federica daidone il Lun Ott 11, 2010 11:38 pm

tra l'altro... a proposito di tutto deciso...lo sapete che gira voce che la discussione sull'università nn sarà il 15 ma il 13-14 all' insaputa di tutti?? cioè continuano a dire il 15, ma il 15 sarà già tutto deciso??? e cn il benestare del pd...ovviamente, aggiungo a titolo personale...

allego intervento di una collega sul forum...

Ciao,
copio-incollo un'informazione ricevuta tramite le mailing list dei precari PoliTo, è un pezzo illuminante della relazione sull'occupazione odierna del rettorato, e che ha portato a colloqui con il Rettore (Profumo) e con il pro- rettore (Gilli)
"
[...]


La cosa più interessante, per quanto riguarda
noi, si è verificata dopo, quando Gilli si è
fermato a parlare con un gruppetto di noi
ricercatori trasgressivi. In quella circostanza
ci ha detto che il ddl [Gelmini] sarà discusso il 12 e 13
ottobre (e non il 14); non solo, ma ha anche
relazionato dettagliatamente su come andrà la
votazione: passerà con il voto anche del PD
(senza modifiche sostanziali) e poi andrà in
Senato dove passerà con la fiducia. Alla faccia
della democrazia. [...]"

Penso che possa essere di ispirazione, in fondo i giochi li han già fatti.
Vediamo quanto PD ci sarà domani.
Sara



federica daidone

Messaggi : 83
Data d'iscrizione : 22.09.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: se non ora, quando?

Messaggio  Igor Campagnola il Mar Ott 12, 2010 2:43 pm

Occhio che il PD è falso più di Giuda...... confused

Igor Campagnola

Messaggi : 32
Data d'iscrizione : 22.09.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Pettine

Messaggio  asselle riccardo il Mer Ott 13, 2010 11:09 am

Il resoconto di Daniele è complessivamente esatto. L'ANIEF è un'associazione di ladri, falsi e ipocriti. A un mio ex compagno di SIS è giunta una lettera da Catania con ricorso sulla sua posizione in graduatoria da parte di una certa Cerami Francesca, patrocinata appunto dall'ANIEF alla faccia della solidarietà tra precari. Sono d'accordo con Igor sulla falsità del PD e aggiungo anche di molti sindacati. A voi giudicare. Ricordo inoltre che durante l'asseblea del giorno 11 ottobre la questione del pettine ha avuto parziale attenzione perché, come del resto sosteneva Luca, il tempo a disposizione è stato limitato. Occorrerà pertanto riprendere l'argomento in futuro, qualora tutti siano concordi. Si tratta di difendere il nostro posto di lavoro in condizioni di crisi: i posti nei settori privati al Nord sono finiti e quelli nel settore pubblico anche. Qualcuno pare non rendersi conto della situazione.

asselle riccardo

Messaggi : 2
Data d'iscrizione : 07.10.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: se non ora, quando?

Messaggio  Igor Campagnola il Sab Ott 16, 2010 4:29 pm

Ma il giorno 13 non doveva esserci un incontro con i giovani del PD ? Question

Si è tenuto? e come è andata? Sleep

La mia è una curiosità morbosa.... confused

Igor Campagnola

Messaggi : 32
Data d'iscrizione : 22.09.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

ECCO COME USA I FONDI PUBBLICI LA GELMINI!!!!!

Messaggio  Igor Campagnola il Mer Ott 20, 2010 9:46 pm

In allegato un resoconto sull'uso dei fondi pubblici da parte della nostra beneamata ministra......!!!!! Evil or Very Mad
Saluti, Igor. affraid cherry
File allegati
Gelmini storica.pdf ECCO COME USA I SOLDI PUBBLICI LA GELMINI!!!!!!Non hai il permesso di scaricare i file.(1.1 MB) Scaricato 5 volte

Igor Campagnola

Messaggi : 32
Data d'iscrizione : 22.09.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: se non ora, quando?

Messaggio  Daniele Lo Vetere il Gio Ott 21, 2010 11:03 am

Igor, hai ragione. Dell'incontro del Pd non abbiamo fatto una relazione, forse perché è stato fatto di poco momento, a posteriori. Comunque provo a farne una sintesi, ma nella sezione comunicazioni, che mi sembra più adatta.
Daniele

Daniele Lo Vetere

Messaggi : 54
Data d'iscrizione : 21.09.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Code??

Messaggio  Cristina Ghezzi il Gio Ott 28, 2010 4:39 pm

Carissimi,
penso di essere un po' tarda di comprendonio (del resto i migliori e i più preparati, a dirla con Iennaco, sono di ruolo..): perché ci preoccupiamo per le code se, con la riapertura delle graduatorie, cambierà tutto?
Non dovremmo cercare invece di capire SE effettivamente le graduatorie saranno riaperte e quante provincie si potranno scegliere??

Non dimentichiamo inoltre che centinaia di colleghi non abilitati aspettano con il fiato sospeso l'attivazione dei tirocini "abilitanti": il sito del ministero annunciava a gran voce che sarebbero stati attivati già da quest'anno. In questo caso la riapertura delle graduatorie sarebbe l'unico modo per far inserire i nuovi abilitati (insieme a quelli, ahimè, che hanno il master en profesorado in Spagna!!).

Vi risulta??

Quello che trovo più irritante è la mancanza di informazioni certe..


Cristina Ghezzi

Messaggi : 3
Data d'iscrizione : 23.09.10

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: se non ora, quando?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum